Sovraindebitamento a chi rivolgersi

Sovraindebitamento a chi rivolgersi? Come uscire dai debiti? La crisi economica ha portato molte famiglie e singoli soggetti a trovarsi invischiati in situazioni delicate dal punto di vista delle finanze personali, non riuscendo più a far fronte alle spese. Dal 2012 lo Stato ha messo a punto una legge sovraindebitamento famiglie il cui obiettivo è fornire ai soggetti che possono accedervi gli strumenti necessari per ridurre il proprio carico debitorio, che sia nei confronti di banche e finanziarie come di soggetti pubblici come il Fisco e l'Agenzia delle Entrate. Ma in caso di sovraindebitamento a chi rivolgersi per espletare tutte le necessità formali e accedere al suddetto piano di esdebitamento a norma di legge? Associazioni come Globo Utenti hanno tra i vari compiti quella di fornire assistenza e tutela debitori in ogni singolo passo previsto.

Legge sovraindebitamento a chi rivolgersi

Detta anche legge anti suicidio, questo piano normativo che lo Stato mette a disposizione dei soggetti che possono accedervi, accompagnati da avvocati o un'associazione consumatori come appunto Globo Utenti che forniscono assistenza debiti, e permettono di affrontare il sovraindebitamento, con cui si intende "una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, nonché la definitiva incapacità del debitore di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni", secondo quanto prescrive l'art. 6 della legge 3/2012. Quando vi interrogate sul sovraindebitamento a chi rivolgersi significa che avete accumulato migliaia di euro di debiti a causa di rate arretrate, siano esse per mutuo,finanziamenti, tasse, bollette da pagare: la legge consente di poter presentare a un giudice competente un piano di rientro sostenibile per i debiti, fornendo delle garanzie che consentano di ripagare in parte il debito accumulato secondo le proprie possibilità finanziarie, mentre il resto del debito viene cancellato. Se il giudice approva il piano si può procedere alla risoluzione debiti accumulati come stabilito, in caso contrario si dovrà procedere alla liquidazione dei beni di proprietà del debitore. 

Chi può accedere alla legge anti suicidi

Prima di domandarsi sul sovraindebitamento a chi rivolgersi è bene sapere se si può accedere al piano di rientro così descritto: infatti il soggetto debitore deve detenere un patrimonio e/o un reddito, anche di piccola entità, che possa comunque fronteggiare la propria situazione debitoria. La legge si applica a:

  • Consumatori (persone fisiche)
  • Lavoratori autonomi
  • Professionisti
  • Piccoli imprenditori non soggetti al fallimento
  • Start up innovative, ex art. 3122 D.L. 179/12
  • Imprenditori agricoli
  • Enti non commerciali (fondazioni e associazioni)

Famiglie, consumatori e piccole imrpese possono quindi rivolgersi alle associazioni dedicate per avere innanzitutto un parere circa le singole posizioni da parte di uno staff di legali ed esperti, associazioni che poi assisteranno i debitori nell’iter da avviare per ottenere una riduzione debiti accumulati fino al 50 per cento.

Sovraindebitamento a chi rivolgersi e come funziona

A favore dei soggetti sovraindebitati la legge prevede tre diverse procedure, ossia un accordo con i creditori, dove occorre il consenso del 60 per cento dei creditori, il piano del consumatore che può essere presentato dai soggetti privati, oppure la liquidazione di tutti i beni. Dopo aver verificato la sussistenza dei presupposti per ottenere i benefici previsti dalla legge, viene valutata la procedura più adeguata: se la procedura viene accolta viene stipulato un piano di risanamento delle obbligazioni che comporta il pagamento di quanto effettivamente il soggetto può ripagare, e successivamente viene cancellato il debito rimanente. In caso contrario si può procedere comunque procedere alla liquidazione del patrimonio, viene nominato un liquidatore nominato dal Tribunale che provvederà a vendere tutti i beni ed a pagare pro-quota ai creditori i debiti. La legge permette di trovare un punto di equilibrio tra i diritti dei debitori  definibili "virtuosi", e quelli dei creditori che possono ottenere un pagamento in tempi certi evitando lungaggini burocratiche. Contattaci per una consulenza personalizzata

CONTATTACI

Si prega di rispettare i campi obbligatori per una corretto invio
Si prega di rispettare i campi obbligatori per una corretto invio
Si prega di rispettare i campi obbligatori per una corretto invio
Si prega di rispettare i campi obbligatori per una corretto invio